SOIA: meglio l’innovazione o l’illegalità?